mercoledì 20 novembre 2013

Stufatino alla romana con il "sellero" per l'Italia nel piatto


Ecconi presente all'appuntamento della nostra rubrica regionale, in parte perché non riesco a rinunciarvi per quanto ne sono affezionata, in parta per rispondere alle tante richieste di "ma che fine hai fatto? Stai bene?" Eccomi, sto bene e sono qui... Prima o poi tornerò a curare il mio blogghino. Ma a volte ci sono cose più importanti da seguire e ogni cosa ha la sua priorità!

Bimbi, siete pronti al nostro viaggio nelle cucine delle nostre regioni? Il tema conduttore oggi sarà la "Cottura lenta" e io con tutta la flemmaticità e lentezza dei romani vi presento il nostro Stufatino. A conti fatti ci vogliono circa due ore e mezzo per prepararlo. Ma ne vale la pena. A me fa tornare indietro nel tempo, quando il profumo del caffellatte si confondeva con quello degli intingoli che si stavano preparando in cucina, quando le nostre mamme iniziavano ben presto a cucinare. Blop, blop, blop... e il sapore ne guadagnava!!




Tra gli ingredienti ci sarebbe andato lo strutto che io ho sostituito con l'olio extravergine di oliva. Al posto del solo grasso di prosciutto ho preso un po' di prosciutto grasso. Si sa che a una certa età bisogna andarci piano co tutti sti grassi!! Il sapore è buonissimo lo stesso!


Per la preparazione ho seguito i suggerimenti della mitica Ada Boni. Le prime due differenze ve le ho già dette. L'altra consiste nel non aver tagliato la carne in fettine sottili, ma a spezzatino... a me piace molto di più...
Quindi ho tagliato la cipolla e l'ho lasciata imbiondire con l'olio extravergine di oliva. Quando ha preso un bel colore  ho aggiunto il grasso e magro di prosciutto tritato con l'aglio. Subito dopo ho aggiunto la carne e l'ho condita con sale e pepe e un po' di maggiorana. Quando la carne è rosolata e preso un bel colore scuro, ho versato il vino rosso e ho lasciato evaporare e poi ho aggiunto un cucchiaio abbondate di salsa di pomodoro e tanta acqua quanta ne occorre per coprire la carne. Si copre e si lascia cuocere per circa due ore, aggiungendo altra acqua se si dovesse asciugare troppo.
Ottimo l'accompagnamento con il sedano (sellero) oppure con i cardi, che non trovo mai....
Ho quindi sfilettato lavato e lessato i sedani e poi li ho lasciati insaporire qualche minuto nella salsa insieme alla carne.



Io consiglio a chi non l'ha mai mangiato di provarlo, perché ne vale davvero la pena, e ai romani di riassaggiarlo e sicuramente faranno un tuffo nel passato, casomai ritroveranno uno di quei sapori dei piatti della nonna mai dimenticati e più mangiati! Io ho avuto questa sensazione...



E nelle cucine dei miei compagni di avventura che cosa troveremo? Andiamoci insieme a fare una bella passeggiata, io ne sono curiosa, e voi???


Ci ritrovate tutti insieme sulla nostra pagina fb https://www.facebook.com/LItaliaNelPiatto?fref=ts

E vi ricordo, inoltre, che gli appuntamenti con noi a dicembre saranno due uno il 10 dicembre e 'l'altro il 20. Vi aspettiamo!

43 commenti:

  1. anche noi lo chiamiamo in dialetto sellero...come è piccolo il mondo!!!
    spettacolare questo piatto cara!
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  2. Che bello leggerti di nuovo! Hai ragione ... le priorità e chi meglio di me ti può capire in questo momento:( mi sento dentro un vortice che mi rapisce il quotidiano, però magari non super costante ma al mio spazio virtuale non rinuncio e sai perchè? Perchè qui magari per dieci minuti ma mi si allegerisce anche il cuore:)
    Anche oggi come mille altre volte ci proponi una preparazione deliziosa e si a me fa pensare la mia nonna ai profumi della sua cucina!
    Ti abbraccio forte e spero che in questo contatto anche se virtuale tu riesca a sentire il coraggio che vorrei infonderti:)
    un bacio
    Alice

    RispondiElimina
  3. deve essere talmente tenero da sciogliersi in bocca! Veramente da provare!

    RispondiElimina
  4. Ecco cos'è il sellero!! E io che credevo fosse un taglio di carne!! Ma quanto sono ignorante??? ;)

    Grazie per questa bella ricetta, Elly, grazie anche per averla alleggerita un pò, diciamocelo che è quasi impensabile mangiare piatti cucinati in modo tradizionale, si può alleggerire senza snaturarne il sapore.

    E' sempre un piacere passare nella tua cucina

    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ciao Elly, non sai che piacere ho nel leggere la tua ricetta, perché sei qui prima di tutto, e perché la parola sellero mi suscita un'ondata di ricordi (la coda, te la ricordi vero?). Spero che le cose vadano avanti in qualche modo e credi che ti penso nel vortice della mia vita quotidiana. Ti voglio tantissimo bene e ti abbraccio forte, a presto "amichetta mia" anche tu *_*

    RispondiElimina
  6. E io che continuavo a chiedermi, ma cos'è 'sto sellero??? Per poi scoprire che era il sedano! Ti sei data agli indovinelli pure te, èh cara Elly!! :-)
    Non parliamo di tempo mancante, non riesco a combinare niente di buono. Quando arrivo a casa alla sera sono talmente distrutta che accendo il computer per inerzia, ma poi lo lascio lì da solo con il monitor che si spegne per la stanchezza di aspettarmi. Non ce la posso fare! Quindi ti capisco benissimo.
    Però il tempo per uno stufato lo si può sempre trovare, no?? Io ci sono se hai bisogno di assaggiatori!!
    Un bacio.

    RispondiElimina
  7. Da noi si chiama "selleru" quindi siamo quasi simili....pur essendo un poco lontane!
    sono felice che tu sia riuscita ad essere presente....tvb

    la pentola di coccio e la cottura lunga sono un connubio perfetto!!

    RispondiElimina
  8. Bono!
    La mitica Ada Boni.
    Per i cardi hai ragione si trovano sempre meno, peccato perchè mi piacciono molto.

    RispondiElimina
  9. la versione col sellaro mi mancava, vedo pochi km di distanza come fanno sparire i piatti boni. per fortuna ci sei tu

    RispondiElimina
  10. Ciao cara.. che bello leggerti... spero che le cose vadano un pò meglio.. los ai.. che bisogna semrpe andare avanti... Io questo spezzatino non l'ho mai mangiato.. cioè.. cotto col grasso del prosciutto? ma chissà che saporito che deve essere.. un abbraccio forte

    RispondiElimina
  11. bentornata cara!
    piacere di rileggerti! e con che bontà poi! :p
    mi hai fatto venire in mente la coda alla vaccinara a guardar quel sedano!! superlativa ricetta per me che amo la cucina slow cade a pennello!!
    bacio grande

    RispondiElimina
  12. Ciaooo che piacere rivederti, buono questo stufatino preso nota buona serata ed un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Elly non preoccuparti, ogni cosa a suo tempo e grazie di cuore per essere sempre presente nella nostra rubrica!!
    Ogni ricetta che prepari è deliziosa e questa non è da meno Complimenti!!
    un bacione

    RispondiElimina
  14. Elly, nella vita ci sono delle cose molto più importanti del blog, ti aspettimo qui, non ci muoviamo, poi quando passo da te mi sento a casa, prendo un po' di stufatino, un abbraccio forte

    RispondiElimina
  15. Deve essere ottimo e la carne sembra tenerissima!!!

    RispondiElimina
  16. Non sai che bello rivederti in giro ;-)!
    sai che ti dico? Che non sono davvero le ore di preparazione che mi spaventano…tanto va da solo :) e sono convinta che ne valga davvero la pena ;)!
    Un bacio

    RispondiElimina
  17. Quanto mi sei mancata amica mia,la tua simpatia e' unica.
    Mi sto letteralmente mangiando con gli occhi il tuo stufato.....

    RispondiElimina
  18. Adoro la cucina romana perchè e bona e tosta .Mi hai mandato in confusione con questo sellero, ..:; ho detto e mo che e' ???Sedano:-)
    STUFATINO SERIE A
    A presto

    RispondiElimina
  19. e ci credo, deve essere fantastico, profumo e sapore un misto di cose buone, all'antica! Un bacione grande e, tranquilla non siamo qui, ti aspettiamo e ti pensiamo !

    RispondiElimina
  20. mmm...proprio buono!!! complimenti!

    RispondiElimina
  21. beh io ricordo l'odore del coniglio che mia madre preparava di prima mattina..insieme al caffè :) buonissimo lo stufato!

    RispondiElimina
  22. Elly ben tornata! Con un piatto così a Roma ce se magna mezza pagnotta o du ciriole!!! Bravissima!

    RispondiElimina
  23. Elly ben tornata! Con un piatto così a Roma ce se magna mezza pagnotta o du ciriole!!! Bravissima!

    RispondiElimina
  24. Ci sono cose ben piu importanti di un blog....però...però è bello riaverti tra noi :-) Questo piatto è a dir poco una meraviglia!! Ricorda quasi il mio gulash ;D Non vogliamo/possiamo perdere la nostra preziosa rappresentate lazio quindi hiphip urrù! :) <3 <3 <3

    RispondiElimina
  25. bentornata, questo stufatino è davvero invitante, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  26. Eccolo il tuo piatto a cottura lenta! Delizioso, così la carne diventa tenerissima!
    Bentornata!
    Un bacione,
    Candida

    RispondiElimina
  27. Oh caspiterina che meraviglia! Fa venir voglia di mordere!!!!! Complimenti!

    RispondiElimina
  28. cara Elly...per fortuna che c'è questa rubrica che ci tiene in contatto, anch'io ormai non riesco più a postare come una volta, vabbè dai l'importante è stare bene!
    e questo stufatino? bonooooooo!!! e pensa il sellero cos'era...immaginavo anch'io ad un taglio di carne!
    bacioni grandi

    RispondiElimina
  29. buonissimo lo stufato, io non ho mi provato a farlo ma presto mi cimenterò! passa a trovarmi, da poco posto ricette di cucina e se ti va possiamo seguirci tacco 12 in cucina
    a presto jeasmine

    RispondiElimina
  30. Eccola!! Te l'ho appena chiesto nuovamente pure io, che fine hai fatto. ma voleva piuttosto essere un modo per significare: dove sei che mi mancano i tuoi post?!! Una constatazione, più che una domanda indiscreta, perchè hai ragione: ci sono cose ben più importanti di un blog cui dare priorità! Sono molto felice però di rileggerti e soprattutto di vedere un piatto buono e succulento come questo, col sellero, cotto piano piano, a lungo, con amore!
    bentornata elly, tanti baci!!

    RispondiElimina
  31. ciao carissima scusa la mia assenza ma il tempo è tiranno !!!! ho fatto un giro nel tuo blog e come sempre trovo idee e cose buonissime da rifare come questo succulento stufatino !!!!! un abbraccio grande e felice we...p.s i tonnarelli da paura....

    RispondiElimina
  32. Elly, mi piace questo stufatino!!! Spero che siano solo problemi di natura temporale (ti manca il tempo) e non di altra natura quelli che ti portano via dal tuo blog... mi sei mancata! Un bascione!

    RispondiElimina
  33. Elly cara come stai? avevo letto su fb tempo fa che non era un buon momento e leggo ancora tra le righe che non è passato... mi spiace.... io mi sono assentata un pò dal web per il cambio pc e piano piano sto ritornando a fare qualche giro tra i miei amici blog... in bocca al lupo per la tua vita che è la cosa più importante e complimenti per questo stufatino:*

    RispondiElimina
  34. Solo un saluto :)
    un forte abbraccio per cercare di farti sentire la mia vicinanza
    Alice

    RispondiElimina
  35. amo questi piatti tradizionali e corposi, è arrivata la stagione adatta per gustarli!

    RispondiElimina
  36. Per prima cosa GRAZIE!!!!
    Grazie di esserci stata anche questa volta e poi grazie anche per questa bella ricetta, adoro questi piatti.
    Ti ho risposto sul mio blog ma te lo scrivo pure qui, i nostri salamini si chiamano VERZINI perché la morte loro è con le Verze :)
    Un abbraccio e un bacione

    RispondiElimina
  37. Elly carissima, spero davvero che tu stia bene... intanto mi gusto questo stufatino delizioso che accompagnerei con una bella fetta di polenta!! Un abbraccio grande, a presto!

    RispondiElimina
  38. Che bontà!!! arriva giusto giusto per pranzo :-) bacioni

    RispondiElimina
  39. Con i secondi piatti io proprio ci sto litigata....ma per rifarmi gli occhi mi basta passare da te!!!!!!
    Un bacio mia cara e spero di risentirci al piu presto :)

    RispondiElimina
  40. Ciao Elly, come stai? :) Questo stufatino alla romana è a dir poco invitante, chissà che profumo... e che gusto! :D Complimenti, un abbraccio forte e buona serata :**

    RispondiElimina
  41. Ciao!
    Abbiamo trasferito il nostro blog, ti va di seguire con gfc anche quello nuovo? Ovviamente ricambiamo!
    www.sevacolazione.blogspot.it
    S&V

    RispondiElimina
  42. Ciao, grazie della visita....è il bello del blog,per un pò, per qualche motivo, ci si perde ma prima o poi ci si ritrova sempre!!!
    Delizioso il tuo stufatino......che voglia di qualche giorno di vacanze romane!!!
    Baci

    RispondiElimina

Leggo sempre volentieri i vostri commenti... lascialo anche tu!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...